A spasso con BibliotecheOFF tra sacro e profano

Post di Valentina Calò

Sabato pomeriggio noi di Biblioteche Off, insieme ad altri blogger torinesi, abbiamo partecipato al primo di una serie di itinerari promossi dalla Compagnia di San Paolo nell’ambito del progetto “Torino città d’arte e cultura tra le chiese di via Garibaldi e i Musei Reali”.

La fondazione, da sempre attiva nei settori della ricerca e istruzione superiore, delle politiche sociali, della sanità, del patrimonio artistico e delle attività culturali, è attualmente impegnata in un ambizioso progetto di recupero e valorizzazione di alcune tra le architetture di pregio di matrice religiosa della nostra città. L’obiettivo è quello di promuovere la conoscenza del ruolo degli edifici sacri nel tessuto urbanistico della città, attraverso una serie di itinerari che permettano di riconnettere le collezioni del sistema dei Musei Reali, il complesso della cattedrale, nella cui chiesa inferiore si trova il Museo Diocesano e le chiese di via Garibaldi.

Il primo itinerario proposto, e a cui abbiamo avuto il piacere di partecipare, è stato “Artisti di corte e devozioni laicali nella città capitale”: articolato lungo un percorso di visita che ha visto in Palazzo Reale, cuore della corte sabauda, nella Chiesa dei Santi Martiri, nella Chiesa della Misericordia e nella Cappella dei Mercanti le sue tappe principali, ci ha permesso di scoprire parte di quello straordinario patrimonio storico e artistico della città sconosciuto ai più.

palazzoreale

Palazzo Reale: soffitti affrescati

L’itinerario è infatti partito dai Musei Reali con la visita alla mostra “Le meraviglie del mondo. Le collezioni di Carlo Emanuele I di Savoia”, durante la quale abbiamo potuto ammirare parte delle raccolte di pittura, scultura e oggetti preziosi che rappresentano il nucleo originario delle collezioni di Casa Savoia costituito negli anni del ducato di Carlo Emanuele I (1580 – 1630).

Il percorso di visita è poi proseguito lungo la contrada di Dora Grossa, l’attuale via Garibaldi, da sempre arteria principale della città. Se oggi, infatti, è conosciuta per lo più per essere la vivace e frequentatissima via dello shopping torinese, storicamente ha ricoperto il ruolo di asse principale della vita civica, universitaria e culturale, anche a seguito dell’importante riassetto urbanistico realizzato per volontà di Emanuele Filiberto nella seconda metà del ‘500. Percorrendo via Garibaldi è possibile, infatti, apprezzare notevoli esempi di architettura civile e religiosa, testimonianza proprio della forte connotazione artistica e culturale avuta nei secoli passati.

La prima tappa della nostra passeggiata è stata la Chiesa dei Santi Martiri Solutore, Avventore e Ottavio, i più antichi protettori di Torino. Realizzata per volere di Emanuele Filiberto di Savoia su progetto tradizionalmente attribuito a Pellegrino Tibaldi, ha goduto recentemente di un importante intervento di restauro grazie al contributo della Compagnia di San Paolo.

chiesa_santi_martiri

Chiesa dei Santi Martiri

La Compagnia è intervenuta anche a sostegno delle operazioni di restauro di numerosi edifici sacri del centro storico di Torino, tra cui la Chiesa della Misericordia, dal 1720 sede dell’omonima Confraternita, la Chiesa della Santissima Trinità, progettata a inizio Seicento dall’architetto di corte Ascanio Vitozzi e la Chiesa di San Lorenzo, progettata da Guarino Guarini, architetto di fama europea che incominciò i lavori nel 1668.

Ma senza dubbio, il più notevole tra gli interventi di recupero promossi dalla Compagnia di San Paolo è quello che ha riguardato la Cappella della Congregazione dei Banchieri e dei Mercanti, situata al civico 25 di via Garibaldi. I lavori, che hanno coinvolto i 250 metri quadrati di volta affrescata dal Legnanino, la cantoria e le statue lignee, sono iniziati alla fine del 2015 e portati a termine a settembre 2016. Sabato 21 gennaio, a chiusura della bella passeggiata alla scoperta di alcune delle eccellenze architettoniche di Torino, abbiamo partecipato con piacere all’inaugurazione della Cappella. Per l’occasione si sono esibiti in concerto il Coro e l’Orchestra Internazionali Pequeñas Huellas, con la partecipazione dell’Orchestra Florina di Falchera e l’Orchestra giovanile Josè Antonio Abreu.

cappella_mercanti

Inaugurazione della Cappella dei Mercanti

 

Chiesa di San Lorenzo – Piazza Castello angolo via Palazzo di Città 4
Aperture: giorni feriali 7.30 – 12 e 16 – 19 giorni festivi 9 – 13 e 15 – 19.30
Chiesa della Santissima Trinità – Via G. Garibaldi 6
Aperture: martedì, giovedì, venerdì, sabato e domenica 15 – 18
Chiesa dei Santi Martiri Solutore, Avventore e Ottavio – Via G. Garibaldi 25
Aperture: tutti i giorni 11 – 13 e 16 – 19
Chiesa della Misericordia – Via G. Barbaroux 41
Aperture: sabato 16 – 18; domenica 10 – 12.30 e 16 – 18; nei giorni feriali su appuntamento
Cappella dei Mercanti – Via G. Garibaldi 25
Aperture: giovedì e sabato 15 – 18; domenica 10 – 12; martedì 15 – 18 su appuntamento

 

Se ti è piaciuto leggi anche:

Annunci

2 pensieri su “A spasso con BibliotecheOFF tra sacro e profano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...